Seleziona una pagina

Altri tour

Visite in città ed escursioni nei dintorni di Torino

Museo Egizio … faraonico !
E’ il più antico Museo Egizio al mondo ed il secondo dopo quello del Cairo per ricchezza di reperti (circa 30.000), tra i quali la celeberrima tomba dell’architetto Kha, l’elegante statua di Ramses II ed un tempio roccioso del Nuovo Regno. Nel nuovo allestimento, inaugurato nell’aprile del 2015, si ripercorre tutta la storia di questa grande civiltà.

Museo del Cinema… che spettacolo !
Stuato all’interno della Mole Antonelliana (167 m.), è il  più alto Museo del Mondo; estremamente scenografico e spettacolare, propone un avvincente viaggio nel mondo della Settima Arte. Al centro della grande cupola passa l’ascensore in vetro che porta al tempietto panoramico situato sotto la guglia, a quota 85 m., dal quale si gode un panorama a 360° sulla città.

Museo dell’auto … motori in scena.
Le collezioni del Museo sono costituite da eccezionali esemplari di automobili prodotte sia da case italiane sia straniere. E’ un museo ultramoderno, dove si possono fare foto alle splendide vetture esposte. Un Museo spettacolare adatto anche ad un pubblico femminile!

Residenze sabaude … castelli da favola !
Tutte le ex-residenze di Casa Savoia sono state dal 1997 riconosciute dall’UNESCO come PATRIMONIO MONDIALE DELL’UMANITA’.
A scelta potete visitarne una o più tra le seguenti, a Torino o nelle immediate vicinanze: Palazzo Reale – Reggia di Venaria Reale – Palazzo Madama – Palazzina di caccia di Stupinigi – Villa della Regina.

Il Lungo Po e le meraviglie del Parco del Valentino.
Tour panoramico con un mezzo di trasporto (pullman granturismo, auto o mezzi pubblici).
Lungo il percorso si ammirano le dolci colline di Torino, il Po, la Basilica di Superga, la neoclassica chiesa della Gran Madre di Dio e il Monte dei Cappuccini, punto panoramico sulla città e sulla catena delle Alpi.
Si giunge, quindi, al Parco del Valentino col seicentesco Castello e il suggestivo Borgo Medioevale.

Archeologia industriale … con gusto!
Il Lingotto, ex stabilimento Fiat, è diventato centro polifunzionale d’avanguardia. Convertita dal grande architetto genovese Renzo Piano in centro fiere e congressi, la struttura ospita una sala concerti e la Pinacoteca Agnelli, situata in cima all’edificio, al di sopra dell‘antica pista di collaudo.
A pochi passi, nell’edificio dove fino agli anni ’80 si produceva il vermouth Carpano, è stato inaugurato il primo centro eno-gastronomico EATALY, dove è possibile degustare e acquistare cibi e prodotti di alta qualità.

La Basilica di Superga … Torino è ai vostri piedi !
Capolavoro di Filippo Juvarra, fu definita una “basilica romana in un cielo piemontese”. Si visitano la chiesa, le solenni tombe dei re e delle regine di Casa Savoia, arricchite da pregevoli monumenti marmorei, ed il luogo della tragedia del “Grande Torino”. Una boccata d’aria a 700 m. di altitudine, dove si può arrivare anche con la suggestiva cremagliera che si inerpica tra la rigogliosa vegetazione della collina.

Luci d’artista…festose luci colorate nelle lunghe notti invernali.
Da inizio novembre a metà gennaio 2018 (a partire dalle ore 17.30 ca.) la città diventa una prestigiosa galleria d’arte a cielo aperto. Non si tratta delle classiche luminarie natalizie, ma di suggestive “opere di luce” di famosi artisti contemporanei italiani ed internazionali. E’ un grande progetto che trasforma le vie e le piazze di Torino con spettacolari installazioni luminose.

La Val di Susa: l’itinerario si snoda lungo l’antica Via Francigena percorsa dai pellegrini diretti a Roma o a Gerusalemme. Lungo la Val di Susa sorsero abbazie, fortificazioni e castelli. A fondo valle si visita la Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso, che custodisce un prezioso ciclo di affreschi quattrocenteschi.
Si raggiunge poi la Sacra di San Michele, grandiosa Abbazia romanico-gotica, abbarbicata sulla cima del Monte Pirchiriano, simbolo del Piemonte, dalla quale si gode uno splendido panorama. Si prosegue, quindi, per Avigliana, antica città di impianto medievale, adagiata sulle sponde di due laghi morenici.

ASTI, la città spumeggiante
Passeggiata guidata tra le vie del pittoresco centro storico di Asti, ricco di vestigia medievali, tra cui le numerose torri, ma anche di eleganti palazzi barocchi. Visita dell’imponente cattedrale gotica e della Collegiata di San Secondo, che si affaccia sulla vivace piazza del vecchio mercato.
Capitale del Monferrato, Asti è circondata da colline coperte di vigneti; nella scoperta della città un posto privilegiato ha l’enogastronomia locale che attira sempre più visitatori da tutto il mondo.

Chieri e l’Abbazia di Vezzolano.
Visita del Duomo di Chieri, uno dei più grandi edifici gotici del Piemonte, che conserva al suo interno uno stupendo coro ligneo e pregevoli tele del Seicento. Nell’annesso Battistero si potrà ammirare un prezioso ciclo di affreschi del Quattrocento.
Dopo la pausa per il pranzo si visita l’Abbazia di Vezzolano, uno tra i più importanti monumenti medievali del Piemonte. Particolarmente suggestivo il panorama tra le colline del Monferrato, coperte di vigneti, e le maestose Alpi sullo sfondo.

Tra castelli e abbazie del Marchesato di Saluzzo
Saluzzo, città medioevale, incorniciata dal profilo del Monviso, conserva un centro storico in cui spiccano un antico castello, il Duomo il Convento di S. Giovanni e la rinascimentale Casa Cavassa.
L’itinerario continua con l’antica Abbazia gotica cistercense di Staffarda ed il Castello della Manta, forse il più noto gioiello d’arte del saluzzese, arricchito da uno splendido ciclo di affreschi nella sala baronale

Sulle orme di Don Bosco.
L’itinerario si snoda tra Castelnuovo Don Bosco, luogo nativo del Santo, dove è stato eretto un grandioso Santuario a lui dedicato, e i luoghi salesiani a Torino: la chiesa di Santa Maria Ausiliatrice, costruita da Don Bosco nel luogo indicatogli in sogno dalla Madonna, che conserva al suo interno le spoglie del Santo ricoperto in cera e altre importanti reliquie.
Sono aperte al pubblico anche la Cappella Pinardi, la primitiva cappella fondata dal Santo e le “camerette” dove Don Bosco iniziò la sua opera a Torino e concluse la sua vita terrena.

Pin It on Pinterest

Share This